Mizoram

Stato più recente in assoluto, il Mizoram, precedentemente noto col nome di Lushai Hills, occupa l´angolo nordorientale indiano. Arroccato sugli alti pendii caratteristici di quest´area, il Mizoram può essere definito come una miniera di bellezze naturali, grazie alla straordinaria varietà dei suoi paesaggi, ai suoi terreni collinari, alle sue profonde gole serpeggianti e alla sua ricca abbondanza di flora e fauna. Confinante ad ovest con il Bangladesh e, a sud e ad est, con il Myanmar, il Mizoram occupa una posizione strategica grazie alla sua linea di confine internazionale lunga 722 Km.

Informazioni Generali

Capoluogo: Aizol
Superficie: 21.087 km²
Abitanti: 1.045.000 (2008)
Altitud: Aizol: 1000 metri
Lingua parlata Mizo (Lingua ufficiale); Bengali, Lakher, Pawi, Kokborok, Paite, Hmar, ..., Inglese
Per maggiori informazioni mizotourism.nic.in

Famosi in tutto il mondo per la loro ospitalità, i Mizo formano una società compatta che non conosce distinzioni di classe, né discriminazioni sessuali. Tutta la società è accomunata da un codice etico peculiare, il 'Tlawmngaihna', termine intraducibile che significa che ogni persona deve essere ospitale, cordiale, generosa e di aiuto agli altri. Considerato nella sua totalità, il Mizoram presenta una rara combinazione di colline popolate da foreste, fiumi caratterizzati da rapide, corsi d´acqua agitati e quieti laghi. E´ proprio questa insolita combinazione di caratteristiche fisiche a conferire al Mizoram il fascino e la magia inimitabili che lo contraddistinguono.     Il tipico villaggio Mizo sorgeva solitamente alla sommità di una collina con l´abitazione del capo posta al centro e il dormitorio dei celibi, chiamato Zawlbuk, in posizione di preminenza. In un certo senso, si può affermare che il punto focale del villaggio fosse proprio il Zawlbuk, dove dormivano tutti i giovani celibi del villaggio. Il Zawlbuk era il centro di addestramento, nonché, di fatto, la culla che forgiava i giovani Mizo in adulti e reponsabili membri della società. I Mizo praticano la tecnica colturale nota con il nome di ‘Jhum Cultivation´. Essi abbattono gli alberi che popolano la giungla, ne bruciano tronchi e foglie e coltivano il terreno. Tutte le loro altre attività ruotano intorno alle operazioni "jhum” e tutti i loro festival sono ispirati alle pratiche agricole.

Cosa Vedere

La città di Aizwal, il Museo di Stato Mizoram, il Centro di Tessitura, il Bazar di Bora, il Centro dell´Artigianato di Luangmual, lo Zoo.