India, la grande fauna (18)

20.06.2011 - Questo immenso e multiforme paese, grande circa dieci volte l’Italia, vanta uno dei patrimoni faunistici più ricchi e variegati al mondo.
La penisola indiana è un continente a sè, dove la diversità geografica ha permesso lo sviluppo di una varietà di habitat e relativa biodiversità senza paragoni: 90 mila specie di animali; ovvero 2.000 pesci, 1.200 uccelli, 340 mammiferi, 238 serpenti; 50 mila specie vegetali, di cui 5.200 endemiche e 13 mila varietà di piante da fiore.
L'immagine tradizionale è quella delle vacche sacre che vagano lungo le strade e delle scimmie che saltano tra i tetti delle case.
?Ma in tutto il paese possono essere osservati gli animali più splendidi nelle riserve, protetti e circondati dal loro habitat, in molti casi si tratta di specie rare o in pericolo di estinzione.
Mentre alcune regioni ospitano specie diverse di animali, ogni regione è caratterizzata dalla presenza di una particolare fauna.
E’ l’unica nazione al mondo dove si possono ammirare insieme i due maggiori felini ovvero leoni e tigri.
Elenca ben 19 mila elefanti bradi e 1.100 rinoceronti unicorno; sempre più rari leone asiatico, leopardo delle nevi, orso labiato e delfini del Gange.
Abbondano invece diversi tipi di cervidi, antilopi, coccodrilli, bufali, bisonte indiano, macachi ed entelli.
Molti animali sono endemici, si trovano cioè soltanto nel subcontinente indiano: orsi e antilopi nelle foreste di rododendri dell’Himalaya, leopardo delle nevi e yak più in alto, nelle foreste nord-orientali tigri e rinoceronte unicorno lottano nelle riserve per sopravvivere, nella pianura del Gange proliferano gli uccelli e nelle foreste di mangrovie del delta nuotano le tigri.
Nel deserto del Rajasthan si incontrano cammelli selvatici, nell’ovest cervo pomellato, asino selvatico e gli ultimi leoni asiatici, nelle foreste del Deccan branchi di elefanti selvatici e nell’estremo sud della penisola elefanti, farfalle e uccelli variopinti.
Tartarughe ulivacee depositano le uova lungo tutte le coste ancora deserte.
La maggior parte della fauna indiana vive negli oltre duecento parchi e riserve del paese.
Tutte le riserve, più di 70 parchi nazionali e 400 santuari, sono raggiungibili in macchina e offrono anche la possibilità di alloggio.
Si può richiedere anche la guida di uno dei ranger, grandi conoscitori della foresta e degli animali, che sapranno accompagnarvi direttamente nei punti strategici per una migliore osservazione.
Riguardo Il “Progetto Tigre”, nato venti anni fa, ha individuato le maggiori zone abitate dalle tigri, ne ha fatte aree protette e ha favorito la riproduzione di queste magnifiche belve, questo bellissimo e grande felino con un bellissimo mantello chiaro a strisce nere, dalla incredibile forza, in grado di catturare una preda che pesa il doppio.
Per gli appassionati di fauna selvatica, l'India è senza dubbio il luogo perfetto per vedere gli animali selvatici nel loro habitat naturale, una delle innumerevoli buone ragioni per visitare il Paese.